Crumble di briciole e frutta brutta

IMG_1414 IMG_1411

Rimasugli di biscotti e qualche frutto ammaccato: il crumble è una buona ricetta per riutilizzare tutto e non buttar via niente. Non è bellissimo da vedere, d’accordo, ma il contrasto tra la croccantezza della crosticina dolce e la morbidezza della frutta cotta e sciropposa  rende giustizia al detto “brutto ma buono”.

 

Ingredienti

 

150 g di briciole di biscotti (ottimi gli integrali)

100 g di farina

80 g di zucchero di canna

80 g (anche meno) di burro

800 g di frutta anche mista

Un limone

Un cucchiaio di zucchero

 

Preparazione

Lavare e sbucciare (se serve, ma si possono anche usare mele e pere con la buccia) la frutta, tagliarla a cubetti lasciando invece a pezzi più grossi la frutta morbida (ciliegie, fragole, prugne ecc.). Condire con il succo di limone e una cucchiaiata di zucchero. Lasciare riposare mentre si prepara il crumble: in una ciotola mischiare la farina di briciole (ottenuta triturando finemente gli avanzi di biscotti nel mixer) con la farina (meglio se integrale) e lo zucchero di canna. Aggiungere una grattugiata di scorza di limone e il burro a temperatura ambiente, a pezzetti. Impastare velocemente e sommariamente con le dita, in modo da ottenere un impasto “sbricioloso” e non la classica “palla” come per la pasta frolla.

Ungere di burro una pirofila da forno dal bordo basso e spolverizzare di zucchero. Adagiarvi la frutta a pezzetti e quindi cospargervi sopra l’impasto sbriciolato del crumble.

Infornare a 180° per una mezzora, finchè la superficie sarà scura e croccante e la frutta avrà rilasciato lo sciroppo.

E’ molto buono freddo, dopo un paio d’ore di frigo. Il crumble tradizionale si fa usando soltanto un tipo di frutto, ad esempio le mele, ma è buonissimo anche di albicocche, prugne o ciliege.

(Visited 126 times, 1 visits today)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *