Soup di scarti di carciofi

IMG_1206 IMG_1207
Non è bello chiamarli scarti, perchè hanno ancora parecchio da esprimere… Quando  pulite i carciofi per farli in insalata, usando quindi solo le parti più tenere, tenete le foglie esterne e i gambi! Si può fare una ricchissima soup.
Nella foto: “Le piante del cuore e della mente”. Un curioso libro del medico Pietro Testori: parla dei poteri delle piante dei prati ed è  illustrato dall’artista Valerio Gaeti.

Ingredienti

300 g di foglie esterne e gambi di carciofi

2 patate

1 scalogno

250 ml di brodo vegetale

un po’ di scorza di limone grattugiata

Preparazione

Per riutilizzare le parti di scarto dei carciofi bisogna prima di tutto sbucciare bene i gambi eliminando il più possibile la parte filamentosa e amarissima. Delle foglie si utilizza invece la parte più carnosa, scartando quella scura vicina alle spine.

Pulito ciò che resta dei carciofi (calcolare di ottenere circa 200/250 g di scarti), sbucciare le patate e lo scalogno, tagliare a dadi  e mettere il tutto in pentola coprendo appena con brodo vegetale. Far cuocere finchè le verdure saranno tenere (in pentola a pressione bastano 7/8 minuti).

Lasciar intiepidire e passare tutto al frullatore, aggiungendo o eliminando brodo in modo da ottnere una crema morbida. A questo punto, per eliminare gli  inevitabili filamenti visto che stiamo usando le parti coriacee del carciofo, passare la crema con un passaverdura che tratterrà appunto i fili. La densità si può aggiustare a piacimento, aggiungendo eventualmente un po’ di brodo, o latte, o besciamella.

Aggiustare di sale e servire con crostini di pane e una grattugiata di scorza di limone (se piace).

 

 

 

(Visited 108 times, 1 visits today)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *