Un social per la “condivisione alimentare”

E’ una App e si chiama http://www.bringfood.org/ : un vero e proprio “social della condivisione alimentare” ora presente anche in Italia.

E’ uno strumento per il recupero e la redistribuzione quotidiana di alimenti ancora buoni, ma a “rischio spazzatura”.I ricercatori Aaron Ciaghi e Pietro Benedetto Molini della Fondazione Bruno Kessler di Trento hanno realizzato l’applicazione che avvicina chi vuole donare (e non sprecare) il proprio cibo a chi ne ha bisogno.
Grazie a qualche semplice click è possibile avvertire la “rete” che in una mensa o in un ristorante della propria città è avanzato del cibo e scatta subito il “circuito a chilometro zero”: chi ne ha bisogno lo prenota e può passare a ritirarlo. Non finisce qui però, perché questo nuovo social permette anche a veri e propri enti di donare o beneficiare del cibo avanzato. È in questo caso che Banco Alimentare verifica gli accreditamenti, monitora le richieste di donazione di alimenti e autorizza (o non-autorizza) il recupero e la ridistribuzione dei quantitativi di cibo segnalati in rete; Banco Alimentare verifica, infatti, che sussistano le condizioni logistiche e/o igienico sanitarie affinché il trasferimento degli alimenti venga eseguito efficacemente ed in condizioni di sicurezza alimentare.

Il sistema è già in fase di test a Trento e  Milano. Ne sentiremo parlare spesso, speriamo!

(Visited 81 times, 1 visits today)